DECLARATORIE E GRIDA MANZONIANE – Cartella Sole, se non ci stai… impazzirai?

giugno 26, 2017 in Accordi, sanità on line

RIFLESSIONI DI UN CONSIGLIERE PROVINCIALE FIMMG

In queste ultime settimane è tutto un susseguirsi di comunicazioni dell’AUSL, della Regione, di CUP 2000, con ogni mezzo (siti web, email, delibere, comunicazioni varie) rivolte in particolare ai Medici che non hanno aderito alla cartella Sole. L’ultima è una “declaratoria dettagliata” (la chiama proprio così la funzionaria regionale che la firma!) che elenca con pedante dettaglio degno di miglior causa ciò che l’Help Desk Sole d’ora in avanti garantirà ai malcapitati medici di cui sopra.

Certo, tutto ciò che è contenuto nella “declaratoria” (il termine ricorda pericolosamente le grida di manzoniana memoria) si rifà al’ Accordo regionale con FIMMG del 6 aprile e dunque, secondo la “declaratoria”, l’assistenza Sole verrà di fatto meno (il massimo intervento immaginabile potrà essere una prova di connessione internet o di funzionamento di un router? Forse: ma per questo negli anni la maggior parte dei medici hanno imparato a fare da soli o a chiedere aiuto a un professionista informatico di fiducia).

Il problema, ahimè, è che non sapremo più a chi rivolgerci (cosa che abbiamo fatto più volte in passato anche se senza esito!) per sapere, ad esempio, perché:

-        alcuni referti SOLE vengono definiti con i nomi più fantasiosi (esempi: “Ambulatorio 5”, oppure “Oftalmologia – …(segue nome del Direttore)”, e di recente anche un enigmatico “Referto di specialistica ambulatoriale”, e così via, si potrebbe andare avanti a lungo),

-        è un dilagare, al posto della valorizzazione numerica di un esame di laboratorio, di freccette e di “v. allegato”,

-        molti referti specialistici vengono inviati solo in formato pdf, per cui la funzione di confronto nel tempo degli stessi (ad es. il confronto tra un’ecografia di oggi e una analoga di tre anni fa, o come nel caso precedente, il confronto tra due glicemie in tempi diversi) non è più possibile, se non andando ad aprire i singoli allegati pdf.

Sono solo alcuni dei numerosi esempi che si possono fare e porre, con amarezza e insieme con ironia, alla riflessione di chi legge.

Ma …. mi viene un dubbio legittimo: poiché queste … “disfunzioni” di SOLE sono iniziate qualche anno fa (con relativo rimpallo di responsabilità tra progetto SOLE e le più importanti software houses) e poiché la progettazione della cartella Sole (quanto travagliata, con interessamento – si dice – anche di rinomate software houses nostre dirimpettaie d’oltre Adriatico!!!) risale più o meno alla stessa epoca, non è che per caso c’è qualche correlazione tra i due eventi? Non è che, sempre per caso, fin da allora, si voleva spingere i Medici a prendersela con il proprio gestionale e ad aspettare con ansia il “Sol dell’avvenire”? Come diceva un importante politico della Prima Repubblica, “a pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca”.

E vuoi vedere che, come per incanto, i tecnici di Sole riusciranno nell’intento di risolvere tutti questi problemi in quella pagina web chiamata pomposamente Cartella Sole?

 

Pietro Velonà